Sterminio cattolico di 50mila bambini dal ’22 all’84 in Canada mediante torture: mandato d’arresto internazionale per il Governo canadese, il Papa e la Regina d’Inghilterra


Il massacro dei 50mila bambini canadesi, avvenuto con sistematica crudeltà e ripetuto uso di torture fra il ’22 e l’84, non è tra gli orrori più noti nella storia dell’umanità. Non se ne parla molto: è coinvolto direttamente il Vaticano, il Papa stesso, il Governo canadese, la Regina d’Inghilterra, diversi funzionari. Oltre sessant’anni di violenze inaudite, descritte nel testo riportato qui sotto. Ora c’è un mandato d’arresto internazionale. Il genocidio è compiuto. La tragedia consumata.
La gravità di questo massacro perpetrato e compiuto metodicamente, con ferocia orribile e giustificato da bolle pontificali e poi tenuto nascosto o minimizzato fa tremare chiunque abbia un cuore umano.

Non smetteremo di seguire questa folle storia d’orrore. Il filmato mostra immagini terribili.

Seguono l’articolo del Manifesto (2010) e l’intervento di oggi di Francesco Zanardi, segretario ligure di Democrazia Atea. Se Joseph Ratzinger voleva veramente ripulire la Chiesa cattolica da orrori com questo si possono capire meglio ora le sue parole. Ma la pulizia non dipende da un uomo solo per quanto potente. Ci troviamo forse a una svolta della storia dell’umanità: in cui i poteri secolari consolidati possono essere messi in discussione, grazie alla circolazione delle informazioni tramite Internet.

Lo stesso Zanardi ha dichiarato che la Chiesa stessa, pur cercando di tacitare le peggiori notizie, non ci è riuscita grazie al Web. La libertà d’informazion è in grave crisi proprio perché, tra l’altro, ha a disposizione strumenti mai così forti e rapidi.

http://paginecorsare.myblog.it/archive/2010/04/14/genocidio-cattolico-dei-nativi-americani-in-canada-3.html

Abusi sessuali, sterilizzazioni di massa, decine di migliaia di bambini morti nelle scuole cattoliche del Canada dal 1922 al 1984. Un caso che sta per arrivare a Roma di Marco Cinque il manifesto“, 4 aprile 2010
IL MENÙ DELLE TORTURE Dai capelli strappati alle bastonature, dall’isolamento all’acqua ghiacciata
Decine e decine di sopravvissuti provenienti da dieci diverse scuole residenziali degli stati canadesi della British Columbia e dell’Ontario hanno descritto, tutti sotto giuramento, le seguenti torture, inflitte fra il 1922 ed il 1994, a loro stessi e ad altri bambini, alcuni di solo cinque anni di età:
• stringere fili e lenze da pesca attorno al pene dei bambini; • inserire aghi nelle loro mani, guance, lingue, orecchie e pene; • tenerli sospesi sopra tombe aperte minacciando di seppellirli vivi; • costringerli a mangiare cibo pieno di vermi o rigurgitato; • dire loro che i genitori erano morti o che stavano per essere uccisi; • denudarli di fronte alla scolaresca riunita e umiliarli verbalmente o sessualmente; • costringerli a stare eretti per oltre 12 ore di seguito sino a quando non crollavano; • immergerli nell’acqua ghiacciata; • costringerli a dormire all’aperto durante l’inverno; • strappare loro i capelli dalla testa; • sbattere ripetutamente le loro teste contro superfici in muratura o in legno; • colpirli quotidianamente senza preavviso tramite fruste, bastoni, finimenti da cavallo, cinghie metalliche decorate, stecche da biliardo e tubi di ferro; • estrarre loro i denti senza analgesici; • rinchiuderli per giorni in stanzini non ventilati senza acqua né cibo; • somministrare loro regolarmente scosse elettriche alla testa, ai genitali e agli arti.
IL CASO CANADESE Dal consiglio delle tribù sette domande al Vaticano Le richieste rivolte al Papa Ratzinger e ai vertici vaticani da dodici anziani del Consiglio che rappresentano le nazioni Cree, Squamish, Halda e Metis
1. Identificare il posto dove sono sepolti i bambini morti in queste scuole cattoliche, e ordinare che i loro resti vengano restituiti ai loro familiari per una degna sepoltura.
2. Identificare e consegnare le persone responsabili per queste morti.
3. Divulgare tutte le prove riguardanti questi decessi e i crimini commessi nelle scuole residenziali, consentendo il pubblico accesso agli archivi del Vaticano ed altri registri delle altre Chiese coinvolte.
4. Revocare le bolle pontificie “Romanus Pontifex” (1455) e “Inter Caetera” (1493), e tutte le altre leggi che sanzionarono la conquista e la distruzione dei popoli indigeni non-cristiani nel Nuovo Mondo.
5. Revocare la politica del Vaticano, in parte formulata dall’attuale Papa, che richiede che vescovi e preti tengano segrete le prove degli abusi subiti da bambini indigeni nelle loro chiese invitando le vittime al silenzio.
6. Venire in Canada di persona per visitare i quartieri più poveri, dove abitano i sopravvissuti delle scuole residenziali, e chiedere perdono a queste persone per il genocidio e per la politica messa in atto dalla sua Chiesa nei loro confronti, e giurare pubblicamente che tali azioni e politiche non si ripeteranno mai più.
7. Presentarsi davanti al Tribunale Internazionale sui Crimini di Guerra e sul Genocidio in Canada per rispondere alle accuse che lui e la sua chiesa siano responsabili per la distruzione e la morte di milioni di Nativi Americani.

Hidden from History: The Canadian Holocaust The Untold Story of the Genocide of Aboriginal Peoples by Church and State in Canada
VEDI: canadiangenocide.nativeweb.org hiddenfromhistory.org nativiamericani.it hunkapi.com associazioneilcerchio.it

http://www.francescozanardi.org/2013/02/spiccato-un-mandato-darresto-europeo.html


Abbiamo seguito da molto tempo su queste pagine la vicenda del processo in corso da parte del Tribunale Internazionale Common Law nei confronti di vari esponenti di punta della Chiesa di Roma oltre che del Governatore supremo della Chiesa Anglicana, la regina Elisabetta II, in quanto implicati nel massacro di 50.000 bambini avvenuto a partire dagli anni 70 in Canada.
Questa tristissima, orribile vicenda è comprovata da una rilevante mole di prove documentali di ogni genere.
Il promotore dell’iniziativa giudiziaria, il Rev. Kevin Annett, ha più volte in video aggiornato sulle fasi del processo, che abbiamo regolarmente documentato.
L’annuncio della chiusura del procedimento è stato dato il 30 gennaio 2013, come si può rilevare a questo link.
In seguito è iniziata la fase esecutiva, con le procedure di notifica agli interessati.
Comunque possa essere giudicata dal pubblico la rilevanza giuridica dell’evento, così come descritto dal comunicato di seguito riportato, è ovvio prevedere che questa vicenda non mancherà di produrre clamorosi colpi di scena.
Naturalmente i più conformisti tra i fedeli storceranno il naso, poi minimizzeranno, poi rigetteranno il tutto.
Ma chi come noi ha seguito la cosa e immagina le conseguenze sul piano del diritto sa che questa vicenda diverrà comunque uno spartiacque storico.
La nostra posizione in merito, come quella di chiunque intenda partecipare costruttivamente a questa delicatissima fase evolutiva dell’umanità, è di aspettarsi, senza pregiudizi quanto senza preclusioni, che per il bene di tutti la verità emerga, affinché su di essa possa edificarsi quel futuro migliore che tutti desideriamo.
Una nota di curiosità relativa alla data di esecuzione del Lien (sequestro conservativo) sui beni della chiesa: 31 marzo 2013.
Essa corrisponde nel calendario maya (da molti accantonato dopo il 21 dicembre scorso, ma ancora perfettamente in funzione) al 13 Ahau, la fine dell’Era del 5° Sole, ossia la fine energetica del dominio (che da lì in poi si tradurrà nella pratica), come spiega lo studioso dei Maya Marco Fardin in questo suo meticoloso quanto illuminante articolo.
Joseph Ratzinger è stato costretto ad annunciare le sue dimissioni senza precedenti storici (o quasi…, n.d.t.)dalla carica di Papa a causa di un’imminente azione del Governo europeo, che ha spiccato un mandato di arresto contro Ratzinger e, entro Pasqua, emetterà un lien commerciale pubblico (una sorta di garanzia ipotecaria, n.d.t.) sopra le proprietà del Vaticano.
L’Ufficio centrale dell’ITCCS – International Tribunal into Crimes of Church and State di Bruxelles è stato costretto, dall’improvvisa abdicazione di Benedetto XVI, a rivelare i dettagli seguenti:
1. Venerdì 1 febbraio 2013, sulla base delle prove fornite dalla nostra affiliata Corte di Giustizia Common Law (itccs.org), il nostro ufficio ha concluso un accordo con i rappresentanti di una non specificata nazione europea e dei suoi giudici, a garanzia di un mandato di arresto contro Joseph Ratzinger, alias Papa Benedetto XVI, per crimini contro l’umanità ed associazione a deliquere.
2. Questo mandato d’arresto sarà consegnato all’ufficio della Santa Sede di Roma il giorno venerdì 15 febbraio 2013. La suddetta nazione ha concesso il permesso di trattenere Ratzinger, come criminale sospettato, all’interno del territorio sovrano della Città del Vaticano.
3. Lunedì 4 febbraio 2013, detta nazione ha consegnato una nota diplomatica nelle mani del Segretario di Stato Vaticano, Card. Tarcisio Bertone, informandolo dell’imminente mandato di arresto e invitando il suo ufficio a farlo rispettare. Nè il card. Bertone nè il suo ufficio hanno fornito alcun riscontro immediato a questa nota, tuttavia, solo sei giorni più tardi, papa Benedetto si è dimesso.
4. L’accordo tra il nostro Tribunale e i tribunali della nazione in parola comprende, come seconda disposizione, quella di emettere un lien commerciale sopra le proprietà e le ricchezze della Chiesa Cattolica Romana con effetto a partire dalla domenica di Pasqua, 31 marzo 2013. Questo lien sarà accompagnato a livello globale dalla pubblica Campagna Pasquale di Rivendicazione (“Easter Reclamation Campaign”, n.d.t.), in base alla quale le proprietà della Chiesa Cattolica saranno occupate e rivendicate dai cittadini come beni pubblici ed incamerate ai sensi del Diritto Internazionale e dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale.
5. È decisione del nostro Tribunale e del governo della nazione in parola, quella di procedere all’arresto di Joseph Ratzinger e alla sua rimozione dall’incarico di Pontefice Romano, con l’accusa di crimini contro l’umanità e associazione a delinquere.
6. È altresi nostra nuova decisione quella di procedere come previsto anche all’incriminazione e all’arresto del pontefice successore di Joseph Ratzinger, secondo le stesse accuse, e di imporre il lien commerciale e laCampagna Pasquale di Rivendicazione contro la Chiesa cattolica romana.
In chiusura, il nostro Tribunale riconosce che, a causa della complicità di Papa Benedetto XVI nelle attività criminali della Banca Vaticana IOR, quest’ultimo è stato persuaso alle dimissioni dai più alti funzionari del Vaticano. Secondo le nostre fonti, è stato il Segretario di Stato Tarcisio Bertone a costringere Joseph Ratzinger a rimettere immediatamente il suo incarico, in risposta diretta alla nota diplomatica relativa al mandato d’arresto a lui notificata il 4 febbraio 2013 da parte del governo della suddetta nazione.
Facciamo appello a tutti i cittadini e ai governi affinchè supportino i nostri sforzi per demolire legalmente e direttamente la corporation Vaticana ed arrestare i principali ufficiali e membri del clero complici in crimini contro l’umanità e nella cospirazione criminale in corso per proteggere ed insabbiare la tortura e il traffico di bambini.
Questa settimana, il nostro ufficiò pubblicherà ulteriori bollettini di aggiornamento sugli eventi dellaCampagna Pasquale di Rivendicazione.

ITCCS – Ufficio Centrale di BruxellesBollettino pubblicato il 13 febbraio 2013 ore 12:00 GMT (ore 13:00 italiane) Fonte IconiconPost
Informazioni su questi ad

56 thoughts on “Sterminio cattolico di 50mila bambini dal ’22 all’84 in Canada mediante torture: mandato d’arresto internazionale per il Governo canadese, il Papa e la Regina d’Inghilterra

  1. Cari amici,

    Ho appena creato una nuova petizione
    e spero vi andrà di firmarla; si chiama: https://secure.avaaz.org/it/petition/Chiarimento_sul_genocidio_canadese/
    basta cliccare e firmare. In casi analoghi si sono raggiunti in tempi brevi milioni di firme
    Il problema scotta: si parla di 50000 bambini uccisi, senza contare i genitori. Questo è un recente tassello di un genocidio secolare che passa attraverso la tratta degli schiavi africani, lo sterminio degli aborigeni australiani, la distruzione dei pellirossa e delle civiltà sud-americane.
    Un processo già intentato contro i responsabili risulta privo di forza giuridica ma i fatti ci sono, confermati dal discorso alla Corona del ministro canadese nel 2008 e dallo stanziamento di somme notevolissime per tacitare i superstiti. Poiché tra gli esecutori dei crimini ci sono anche scuole cattoliche io come cattolico sono responsabile se fingo di non sapere e siccome abbiamo un nuovo Papa che ci rappresenta non posso che chiedere a Lui un chiarimento sui fatti.

    E’ una questione molto importante per me e insieme possiamo fare qualcosa per risolverla! Se firmate la petizione e poi la condividete con i vostri amici e contatti, potremo raggiungere presto il nostro obiettivo di 100 firme iniziali per fare poi pressione e ottenere il risultato che vogliamo: un chiarimento, intanto.

    • Aggiungo qualcosa alla petizione: ho scritto recentemente un libro, IL PIANETA DEI FOLLI e mi rendo sempre più conto che il problema c’è.
      Migliaia di persone vanno in piazza per difendere il diritto di metterselo reciprocamente, in culo, migliaia si agitano negli stadi per vedere gente che piglia a calci un pallone.
      Qui si parla di 50000 bambini ammazzati e non si trovano 100 firme.
      Siamo matti!

      • io non mi stupisco piu’ di questo, si le nostre societa’ sono malate e gli adulti sono matti. Alice Miller anche aveva difficolta’ di divulgare il suo sapere …

      • Io ho firmato, ma le petizioni online sono inutili, serve il numero di carta d’identità oltre ai dati anagrafici e alla firma per rendere valida la firma ad una petizione, altrimenti chiunque può firmare quante volte gli pare fingendosi tizio e caio.

      • GUIDO SGARAVATTI ha detto:

        La petizione viene validata dall’indirizzo e-mail e ogni doppione viene cestinato. Il problema vero è che se la tragedia è troppo grave vi è un rifiuto inconscio a volerla vedere. Un altro rischio è che accusando la Chiesa in toto si rigettino anche i valori spirituali presenti nel Vangelo che andrebbero invece recuperati per evitare simili tragedie.

  2. MERY ha detto:

    A TUTTI I FAUTORI CHE SCRIVONO CONTRO CHI RACCONTA LA PROPRIA STORIA,X TUTTI I BIGOTTI CIECHI E SORDI CHE CHIUDONO GLI OCCHI X NON VEDERE ,CHE SI NASCONDONO DIETRO A FALSE CREDENZE PER DISSIPARE LE PROPRIE COSCIENZE SPORCHE ,COSTORO SONO I COLLABORATORI DIRETTI CHE HANNO E CONTINUANO A DISTRUGGERE IL MONDO CON LA LORO IGNORANZA E CATTIVERIA GRATUITA, HO VISSUTO X 18 ANNI IN ORFANOTROFIO ,ABBANDONATA E BOICOTTATA IN PRIMIS DALLE SUORE ,A 6 ANNI MI FACEVANO LAVARE GLI INDUMENTI IN UNA PILA CON UN SAPONE A PEZZO ,A 6 ANNI LE MIE MANI SEMBRAVANO QUELLE DI UN MURATORE, SCATOLETTE DI CARNE SCADUTE E PANE DI SETTIMANE CHIUSO IN BUSTE DI PLASTICA X MANTENERSI MORBIDO CI FACEVANO MANGIARE MENTRE LOR SIGNORE MANGIAVANO IN DISPARTE I MIGLIORI CIBI CON I SOLDI CHE IL GOVERNO GLI DAVA X NOI ,CON I SOLDI CHE LA GENTE DONAVA X NOI ,LORO SI FACEVANO LE GITE MENTRE A NOI FACEVANO FARE I GIRETTI VICOLI,SE DOVESSI ELENCARE LE ANGHERIE , L’EMARGINAZIONE ,I SOPRUSI VISSUTI CI VORREBBERO ANNI ,LA CHIUDO QUI DICENDO A LOR SIGNORI DI LAVARSI LA BOCCA PRIMA DI CRITICARE CHI RACCONTA STORIE VISSUTE SULLA PROPRIA PELLE CHE HANNO LASCIATO DENTRO SEGNI INDELEBILI X SEMPRE ,VIVETELI ,PRIMA E DOPO SARETE IN GRADO DI PARLARE .NON HO MAI CONOSCIUTO PERSONE PIU’ CATTIVE ,IPOCRITE ,FALSE E SPREGEVOLI DEL POPOLO DELLA CHIESA ,QUALCUNO CHE SI SALVA SE NE SCAPPA FUORI A FARE VOLONTARIATO NEI PAESI POVERI O COMUNQUE RIMANE UN CASO ISOLATO .PUNTO.

    • DICI BENE CARA MERY
      A TUTTE QUELLE PERSONE ” CIECHE , SORDE CHE CHIUDONO GLI OCCHI X NON VEDERE ,CHE SI NASCONDONO DIETRO A FALSE CREDENZE PER DISSIPARE LE PROPRIE COSCIENZE SPORCHE ”
      QUESTE PERSONE NEGANO L’EVIDENZA, VISTO CHE ULTIMAMENTE NON SI FA CHE PARLARE DI PRETI PEDOFILI.
      IMPARATE A RAGIONARE INVECE DI DIRE DELLE GROSSE CAVOLATE, MA SE FOSSE TUTTO FALSO , NON CREDETE CHE AVREBBERO GIA’ FATTO IN TV, RADIO, GIORNALI UNA SMENTITA? INVECE TUTTO TACE
      C’E’ UN VECCHIO DETTO IN PROPOSITO CHE DICE “CHI TACE ACCONSENTE”

  3. VUOI SAPERE LA VERITA’ SUL PAPA E LA SUA ABDICAZIONE E SUL VATICANO
    http://armysoftport.wordpress.com/2013/02/14/vuoi-sapere-la-verita-sul-papa-e-sul-vaticano/ ospite Kevin Annett.. di http://www.itccs.org l’uomo che ha chiuso il vaticano,…
    Ne abbiamo parlato con l’autore della denuncia in radio … ecco il link.. http://www.spreaker.com/user/ass.attivistigayharveymilk/il_one_people_s_public_trust
    IL ONE PEOPLE’S PUBLIC TRUST

    • non ho capito chi dovrebbe vergognarsi… ho circa settanta anni ed è passata anche l’età delle bugie. Ora ti vengono a mente solo le cose successe, purtroppo…. non mettetevi sugli scranni, a giudicare il racconto delle esperienze degli altri: nessuno dice che sia colpa vostra… le cose succedono, meno male che si possono raccontare , e nessuno pretende che tutti siano disponibili all’ascolto ed alla comprensione…

    • Claudia Cremonesi ha detto:

      Ho 55 anni, pochi meno della signora, e sono stata in collegio per 10 anni dalle suore!
      Mia madre mi chiedeva molte cose sulla scuola, parlava spesso con le altre mamme ed era molto presente nella mia vita. Se qualcosa non andava, si sapeva subito. A scuola, la disciplina era ferrea e ci si lamentava, ogni tanto, per il carico di nozioni ma queste cose a me e alle mie amiche non sono mai capitate.
      La mia scuola era in Italia, nel nord d’italia, qui a Cremona.
      Non ho bisogno di riflettere su una cosa che conosco e che ho vissuto in prima persona, e ho semplicemente fatto una domanda educata alla signora per informarmi. C’è qualcosa di strano nella mia domanda o, semplicemente, non va a te, Paolo?
      Nessuno attacca il tuo articolo e nessuno attacca te, ho chiesto perchè la mia esperienza familiare è stata diversa, pur con una madre impegnatissima, e non mi sembra possibile tenersi dentro cose così gravi.
      Vuoi che non faccia domande’? Allora dillo e basta, ma almeno cerca di essere cortese!
      Io quegli anni li ho vissuti tu eri più piccolo.

  4. successo in orfanotrofio del dopoguerra in Italia: 1) bimba di sette anni, indebolita dalla scarsità di cibo, chiede di poter andare in bagno perchè ha problemi ai reni. la suore finge di non sentire, “ripeti, ride sorniona, non ti ho sentito”. Fino a quando la bimba cede allo stimolo, ed in piedi, davanti alla tutta la classe, la fa per terra. NON BASTA! la bimba per punizione, viene trascinata per le vie del paese con le mutandine bagnate in testa, a mò di cappello, e mi duole ancora oggi… dei vermi nella minestra, delle polpette fatte con la cotenna di maiale, setole comprese, dei geloni che si infettavano perchè si doveva lavare il pavimento del dormitorio, si dovevano lavare i piatti e tutto con acqua fredda…la quarantena del morbillo, una settimana da sola, con la compagna che ti portava il piatto della minestra a mezzogiorno e se lo riprendeva quando ti portava la cena…ma quello che non sono riuscita a perdonare è la cattiveria, la falsità sotto le tonache nere, la volontà di ferirti, di annientarti psicologicamente….e non solo questo ho vissuto sulla mia pelle… Io ci credo…

    • Luciana Renda ha detto:

      Sono stata in collegio anche io: 1962/1963/1964….suore francescane a Bologna….non ne voglio neppure parlare….lavarsi le lenzuola a 7 anni perchè avevo fatto la pipì a letto!! con acqua fredda e alla sera andare a letto sopra la tela cerata e senza lenzuola…lavare i piatti a turno con acqua fredda e per metterli a scolare era talmente alto lo scolapiatti che andavamo in piedi su di uno sgabello e l’acqua ci colava lungo le braccia e arrivava a riempirci anche le scarpe….le cattiverie che ho visto in quei 3 anni sono rimaste indelebili nella mia memoria…..e le ragazzine più grandi che alla notte venivano accompagnate nella tenda della suora superiore???? adesso posso pensare che cosa andavano a fare!!!!!
      Io ho quasi 58 anni e ricordo tutti i giorni passati li dentro!!! come Maria Coletta io ci posso anche credere…ha fatto più danni la chiesa che tante guerre!!!!!!!!!!!

      • Claudia ha detto:

        Mi scusi i suoi genitori dov’erano? In tre anni non ha mai raccontato nulla in casa? Ha subito e taciuto cose così dure? Non posso pensare che i suoi familiari non si siano accorti di nulla in tre anni!

      • Pierluigi ha detto:

        E’ tempo perso rispondere. Se le persone preferiscono fare commenti gratuiti senza cercare di capire. Chi cerca la verità la trova.

        Purtroppo la chiesa ha fatto questo e anche peggio nei secoli e continua a farlo. Ha per esempio taciuto sulla omosessualità tra preti che hanno abusato bambini nel mondo e qui ci sono ancora testimonianze che hanno denunciato il Vaticano. Ci credo perché anch’io ho avuto modo di conoscere questa realtà e ora ho 50 anni. Ci sono cose ancora peggiori che la chiesa tutt’ora tace. Per esempio sulla massoneria in Vaticano o quello che stanno spingendo “NUOVO ORDINE MONDIALE ASSIEME A MASSONI CONOSCIUTI”. Vedi ASTANA nel Kazakistan e la sua storia. Di questo dovremmo avere paura d’ora in poi. Però bisogna documentarsi.

    • Ma vi siete accorti che si parla di sterminio di nativi, di aborigeni, di indiani d’America, non di “razze” tutelate? Ovvio che non hanno uno stato, un governo… Adesso mi negate lo sterminio di quelle popolazioni? Ma dove vivete? Nella nebbia della disinformazione e della faziosità politica.

  5. The MaxX ha detto:

    Vorrei sapere una cosa, questo tribunale ITCCS è ufficializzato da quale governo?

    Ho cercato informazioni in merito, ma nessun governo europeo riconosce questo tribunale, e nemmeno quello Canadese o Statunitense.

    Ho provato a controllare ma non vi nemmeno sul sito di questo tribunale alcuna informazione in merito a stati che ne risonoscano un qual si voglia tipo di autoità.

    Da notarsi quanto segue:

    “Le nostre Corti di giustizia e Tribunali ricevono la loro autorità suprema della naturale ed evidente legge che si trova all’interno della ragione e la compassione di ogni uomo e donna, e dai comuni diritti legali di ogni cittadinano informato di stabilire propri tribunali, polizia e leggi quando le istituzioni normali omettano o rifiutino di difendere la libertà, i diritti, la sicurezza e il benessere della comunità.”

    In pratica non hanno un qual si voglia testo legale da seguire, ne un ordinamento legale chiaro.

    Quindi non hanno apparentemente alcuna uffcialità per processare qual si voglia persona.

    • Se aspettiamo i tribunali ufficiali ci sono mille scappatoie. sappiamo che Hitler agì secondo la legge, fatta da lui. il limite del vostro positivismo giuridico è questo. Nessuno di voi critici dice una parola sul fatto, cioè il massacro dei bambini canadesi nelle scuole cattoliche, perché non ve ne importa nulla, evidentemente. Voi state difendendo una bolla di Alessandro VI che spartì l’America fra Spagna e Portogallo. Notevole testimonianza di fede. Alessandro VI sapete chi era? Un santo dal coraggio immenso?
      Perché Ratzinger da prefetto dell’ex sant’uffizio ha insabbiato anche questo orrore? A me interessa quel massacro, il crucifige e il capro espiatorio lo lascio agli specialisti. Occorre una svolta culturale immensa per superare atti orribili come quelli. A voi importa solo difendere il vostro vitello d’oro.
      Vi preparo una risposta collettiva visto che ormai è una class action.

      • The MaxX ha detto:

        le ho chiesto delle cose, se non le sa, bastava dirlo, in ogni caso questa ITCCS è un ente inesistente, non è registrato, non è nemmeno autorizzato a processare qualcuno, quindi mi sembra una gran bufala (l’ente).

        Per il resto, oltre a speculare su fatti del secolo scorso, senza dati a sostegno, non ho letto nulla di significativo.

        ho guardato ogni link dell’articolo, ma di elementi concreti nulla.

        Mi permetta, ma puzza pericolosamente di un tentativo da parte di un’ignota organizzazione di farsi pubblicità.

        Piccola nota, il Papa, come capo di stato non è processabile, idem la Regina d’Inghilterra.
        Sopratutto per eventi avvenuti prima della loro nascita o quando ancora non erano capi del proprio stato.

      • Perché il papa si è scusato allora? Perché il governo canadese si è scusato? Per far pubblicità ai mangiapreti? Credo che i morti siano i nativi americani. Non ti capisco. Non dici cose sensate.

      • The MaxX ha detto:

        Mi chiede perché s’è scusato? Semplice, delle persone, coprendosi con una fede hanno commesso dei reati (e quelle sono le persone da condannare, peccato che siano morte no?) Il Papa, come capo di quella religione ha sentito il dovere di scusarsi, ma non può esser ritenuto responsabile.

        Inoltre, no, non è un atto simbolico, sopratutto quando questo fantomatico tribunale, sopratutto quando richiede finanziamenti ai privati.

        Ben altri sarebbero le azioni o le richieste simboliche.

        Precisando che vi sono numerosi errori sulle procedure internazionali sul sito dell’ITCCS.

        Come capo di uno stato il Papa non è processabile, e quindi se non voleva esser processato bastava non dimettersi, inoltre non ha senso che chieda l’immunità a Napolitano, non essendo cittadino Italiano, avrebbe avuto più senso chiederlo al governo tedesco, od allo stesso Vaticano.

        Anche alcuni articoli sono dubbi La signora Jennifer Wade non risulta come personaggio di rilevanza, tantomeno come co-fondatrice di Amnesty International.

        L’assoluta ignoranza di diritto internazionale, le numerose dichiarazioni non supportate, anche il fatto di attribuire a persone titoli non veritieri rende quell’ente assolutamente ininfluente, menzognero, e falso.

      • Capisco che vuoi difendere a tutti i costi il Vaticano. Dove sono allora tutti quei nativi? Chi li ha uccisi? Non ho scritto un articolo “anticlericale”. Il problema è assai più serio.
        Pensaci su, io non devo convincere nessuno. Da una parte ci sono decine e decine di migliaia di morti, dall’altra un paradiso fiscale che ha spesso problemi con la giustizia e con i diritti umani. Grazie d’aver detto la tua.
        Ma veramente risulta credibile Alessandro VI cioè Rodrigo Borgia?

    • Sono aborigeni, indiani, nativi d’America. Ma lo hai capito? Quelli che hanno sterminato per il bene dell’America, del progresso e dei soldi. E ovviamente con la benedizione di Alessandro VI. Stai difendendo quel massacro, che è continuato anche nel 900. Devi avere frainteso. Non è possibile negare un dato di fatto così abbagliante.

    • Pierluigi ha detto:

      Caro Max, leggo solo ora questo articolo. Mi dispiace per te che non ci credi ma devo dirti che purtroppo la chiesa ha fatto questo e anche peggio. Ha per esempio taciuto sulla omosessualità tra preti che hanno abusato bambini nel mondo e qui ci sono ancora testimonianze che hanno denunciato il Vaticano. Ci credo perché anch’io ho avuto modo di conoscere questa realtà e ora ho 50 anni. Ci sono cose ancora peggiori che la chiesa tutt’ora tace. Per esempio sulla massoneria in Vaticano o quello che stanno spingendo “NUOVO ORDINE MONDIALE ASSIEME A MASSONI CONOSCIUTI”. Vedi ASTANA nel Kazakistan e la sua storia. Di questo dovremmo avere paura d’ora in poi. Però bisogna documentarsi. Non c’è bisogno di andare a cercare tribunali ufficiali per credere. Basta sapere cercare e trovi.

      Rispondi ↓

  6. Pingback: Maura Ruggeri, possibile primo consigliere regionale donna della città di Cremona. Lo stile della lettera, il video e la dichiarazione di Alessia Manfredini: è il momento delle donne al potere | Quaderni corsari

    • Speculare come fai tu sulla morte di 50mila bambini per difendere la Chiesa o i partiti cattolici, cioè tutti, è uno dei tanti indicatori della necessità di una svolta culturale molto forte. Prova a leggere la bolla pontificale del 1943 che ha autorizzato queste cose. L’ha emessa un Papa, a quella riesci a credere. Però bisogna leggerla.

      • hmmmm, la trollata su io che difenderei la chiesa o i partiti cattolici non la voglio considerare, mi limito a chiedere:

        QUALE bolla papale? “Inter Caetera” (non “Catara”)?

        Perchè anche ammettendo che autorizzi “queste cose”, c’è il piccolo problema che è del 1493, non del 1943. Più interessante per gli storici che per i tribunali internazionali, diciamo.

        [E quindi, la domanda accessoria è, l'autore QUALE bolla ha letto, da non sapere neanche che è stata scritta 500 anni fa?di quale papa, esattamente?]

        La svolta culturale di cui c’è ardentemente bisogno è quella che, davanti a un succoso testo che sembra confermare tutti i nostri pregiudizi, trovato in qualche angolo di internet, ci porta a chiederci “ehi, un attimo, non è che per caso questa è una vaccata clamorosa? cerchiamo di verificare questa notizia prima di pubblicarla”.

      • Caro venditore di fumo, ti preparo una risposta che ti ricorderai per un pezzo. Lo sappiamo che è un difficile che arrestino un papa, una regina e un premier canadese. Ma 50mila bambini ammazzati non sono una balla. C’è un video che mostra anche immagini. Bollare tutto come bufala è da fanatici. Zanardi non è un latinista, a volte sbaglia, è vero, ma non è affatto l’unico ad avere scritto su questo eccidio. Ti preparo una risposta, ti sei messo dalla parte degli intoccabili.

      • Perché non neghi che i 50mila bambini siano stati uccisi? Il mio articolo fa notare quello che è accaduto in Canada, che grazie a gente come te non si saprebbe mai. Ma ti preparo una risposta

      • C’era un refuso, è la inter caetera di Rodrigo Borgia, detto Alessandro VI. La bolla Romanus Pontifex legittima lo schiavismo. Va bene anche questa? Basta che lo dica un papa qualunque eletto da un conclave di ricchi panzoni e ci credi? Ma non ti vergogni di difendere una religione schiavista? Sei un essere umano?

    • Pierluigi ha detto:

      Caro Anteo, leggo solo ora questo articolo. Mi dispiace per te che non ci credi ma devo dirti che purtroppo la chiesa ha fatto questo e anche peggio. Ha per esempio taciuto sulla omosessualità nel mondo e qui ci sono ancora testimonianze che hanno denunciato il Vaticano. Ci sono cose ancora peggiori che la chiesa tutt’ora tace. Per esempio sulla massoneria in Vaticano o quello che stanno spingendo “NUOVO ORDINE MONDIALE ASSIEME A MASSONI CONOSCIUTI”. Vedi ASTANA nel Kazakistan e la sua storia. Di questo dovremmo avere paura d’ora in poi. Però bisogna documentarsi.

  7. Pingback: Maura Ruggeri, possibile primo consigliere regionale donna della città di Cremona. Lo stile della lettera, il video e la dichiarazione di Alessia Manfredini: è il momento delle donne al potere | Quaderni corsari

Ma scusi, che cosa le viene in mente?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...